Coats

Suppliers

Gestione del rischio dei fornitori

Come produttore leader mondiale di fili, cerniere e prodotti correlati, Coats gioca un ruolo chiave nella catena di approvvigionamento dell'abbigliamento e delle calzature. Il nostro successo sul mercato si basa su un comportamento responsabile e una buona cittadinanza aziendale. Vogliamo anche estendere questo ai nostri clienti e fornitori.

Nel 2015, Coats ha sviluppato un dettagliato Codice del Fornitore. Il Codice descrive gli standard e i valori che ci aspettiamo dai nostri fornitori in termini di pratiche di lavoro, diritti umani, gestione ambientale, approvvigionamento responsabile e condotta aziendale. Lo stesso anno, Coats China ha introdotto con successo il Codice a 75 dei suoi fornitori chiave.
PeoplePrendendo in considerazione l'esperienza dei workshop in China, abbiamo deciso di estendere il Codice al resto del mondo. Abbiamo segmentato la nostra base di fornitori per identificare chi erano i fornitori chiave e poi abbiamo progettato un programma di rollout faccia a faccia per introdurli ai nostri standard e aspettative.

I nostri fornitori chiave sono stati introdotti al Codice dei fornitori in un workshop di un giorno, ospitato dalla nostra sede locale di Coats. Questo ha dato ai fornitori l'opportunità di studiare i requisiti del Codice e di aprire canali di comunicazione per ulteriori domande e supporto dopo il workshop. Entro la fine del 2016, il codice dei fornitori è stato esteso a livello globale a tutti i nostri fornitori chiave situati nei nostri mercati primari.

Impegnarsi con i nostri fornitori chiave

Sebbene lo scopo del Codice dei Fornitori si estenda a tutti i fornitori di Coats, particolare attenzione è stata data ai fornitori chiave che:

  • Avere un alto volume di spesa con noi
  • Operare in un paese percepito come "ad alto rischio" in relazione agli affari, ai diritti umani, all'occupazione o alle pratiche ambientali
  • Fornire beni o servizi che potrebbero essere considerati potenzialmente ad alto rischio.

Il Codice dei fornitori è stato presentato ai nostri fornitori chiave nell'ambito di un workshop ospitato da Coats. In seguito a questi workshop, ai fornitori è stato chiesto di condurre un'analisi delle lacune delle loro procedure e pratiche rispetto al Codice dei fornitori. È stato chiesto loro di riferire a Coats con la loro analisi, denotando le aree di non conformità e fornendo un piano d'azione per il miglioramento. I nostri team di approvvigionamento stanno ora monitorando l'attuazione del piano e fornendo consigli pratici e supporto a ciascuno dei nostri fornitori chiave.

Tredici workshop si sono tenuti in luoghi strategici nel corso del 2016 (Turkey, India, Vietnam, Indonesia, Sri Lanka, Brazil, Mexico, Hong Kong, Hungary, Germany, Italy, USA e UK). I responsabili degli acquisti delle unità vicine più grandi hanno partecipato a uno di questi workshop e sono stati formati per ospitare un workshop nel loro paese, al quale hanno partecipato anche i responsabili degli acquisti dei paesi vicini più piccoli.

Dopo questi workshop iniziali e la revisione delle non conformità da parte dei nostri team di approvvigionamento, i fornitori con il maggior numero di non conformità dichiarate sono stati visitati per primi. La visita iniziale ha assunto la forma di un incontro di follow-up post-workshop piuttosto che di un audit investigativo. Tutti i fornitori che hanno partecipato al workshop riceveranno una visita per discutere la loro comprensione dei nostri requisiti. Questo diventerà poi una parte regolare del nostro processo di revisione delle prestazioni dei fornitori.

Nel 2017, abbiamo intrapreso 12 workshop di follow-up in 5 paesi ad alto rischio: Bangladesh, India, China, Indonesia e Vietnam. 276 (95%) dei fornitori chiave di questi paesi hanno partecipato ai workshop di follow-up. Le aree chiave di questi workshop di follow-up erano la schiavitù moderna e i diritti umani.

Inoltre, nel corso del 2017 abbiamo anche effettuato audit dei fornitori con 111 fornitori sparsi in 5 paesi ad alto rischio; Vietnam, China, India, Indonesia ed Egypt. Questi sono stati fatti con un mix di risorse interne ed esterne. Per esempio, tutti gli audit fatti in Cina sono stati fatti dai revisori Coats, mentre nel caso del Vietnam i 39 audit sono stati condotti da Bureau Veritas, usando il modello di audit del Coats Supplier Code. I risultati dal Vietnam hanno mostrato che 20 fornitori sono stati classificati "buoni", 16 erano "accettabili" e 3 richiedevano un miglioramento. Dopo questi audit ci siamo impegnati con i 3 fornitori che hanno richiesto un miglioramento per assisterli nello sviluppo delle loro politiche e processi. Sono stati controllati di nuovo all'inizio del 2018 per verificare i progressi. I fornitori classificati "Accettabile" saranno sottoposti a un nuovo audit entro due anni dalla data del loro precedente audit e i fornitori classificati "Buono" saranno sottoposti a un nuovo audit entro tre anni dalla data del loro precedente audit. Continueremo a lavorare paese per paese con team di audit interni o esterni, a seconda delle condizioni locali.

Entro il secondo trimestre 2019, Bureau Veritas ha condotto 27 audit dei fornitori in Indonesia, 15 con punteggio "Buono" e 12 con punteggio "Accettabile". In Colombia, 20 fornitori hanno partecipato a un workshop sul Codice dei fornitori a gennaio, 9 fornitori sono stati controllati a febbraio e a marzo, 260 fornitori hanno ricevuto comunicazioni aggiornate sul Codice dei fornitori, per mantenere l'attenzione sulla conformità.

Raggiungere tutti i fornitori

Oltre all'impegno con i nostri fornitori chiave e ad "alto rischio", il Codice dei fornitori è stato comunicato anche ai fornitori di medie dimensioni/medio rischio verbalmente, per telefono o in un incontro faccia a faccia. I fornitori di piccole dimensioni e a basso rischio hanno ricevuto il Codice del Fornitore via e-mail.

Entro la fine del 2018, tutti i nostri fornitori sono stati informati sul nostro Codice dei fornitori e i fornitori che rappresentano oltre il 45% della nostra spesa totale hanno partecipato a un workshop di un giorno.

Una revisione dell'aderenza al Codice dei Fornitori è anche parte integrante delle nostre revisioni di routine delle prestazioni dei fornitori. Ci siamo riservati il diritto di controllare i nostri fornitori e partner, nella misura massima consentita dalla legge e da qualsiasi contratto in essere, per garantire il rispetto del Codice dei fornitori.

Se veniamo a conoscenza di un'azienda fornitrice che agisce in violazione dei requisiti del nostro Codice dei fornitori, ci riserviamo il diritto di richiedere azioni correttive o, in ultima analisi, di rescindere il contratto.

Responsabilità nella nostra catena di approvvigionamento

Il nostro successo sul mercato si basa su un comportamento responsabile e una buona cittadinanza aziendale. Pertanto, è fondamentale che il nostro rapporto con i partner commerciali e i fornitori sia allineato sia con i nostri principi aziendali che con il nostro approccio di sostenibilità.

Il nostro codice per i fornitori, aggiornato nel 2018 e da aggiornare nuovamente nel 2020, delinea le questioni su cui abbiamo impegnato i nostri fornitori e partner. Riguarda le pratiche di lavoro, compresi i requisiti specifici sul traffico di esseri umani, il lavoro forzato e vincolato, la gestione ambientale, l'approvvigionamento responsabile di materiali/prodotti e la condotta aziendale più in generale.

Per impegnarci con loro, abbiamo un protocollo di due diligence e di revisione che i nostri team di approvvigionamento utilizzano quando valutano le credenziali dei fornitori. Per sfruttare l'opportunità di collaborare con i nostri fornitori abbiamo avviato nel 2019 un programma che cerca di garantire che le loro attività di sostenibilità siano allineate alle nostre. Questo porterà a una trasparenza molto maggiore sugli impatti lungo l'intera catena di approvvigionamento e ci renderà molto più facile iniziare a costruire una valutazione completa del ciclo di vita per i nostri prodotti e quantificare le emissioni Scope 3 a monte legate ai nostri materiali acquistati. Continueremo a sviluppare questo programma nel 2020.

La nostra valutazione del rischio sui diritti umani ci aiuta anche a identificare le aree di maggior rischio nella nostra catena di approvvigionamento, inizialmente su base geografica. Valutiamo anche le nostre catene di approvvigionamento per identificare i rischi industriali/settoriali e i rischi derivanti dalla loro posizione geografica, e rivedremo questa valutazione all'inizio del 2020 sulla base dell'ultima revisione geografica. Sulla base di questa valutazione, abbiamo un programma di impegno con i fornitori, fornendo supporto e guida sulle nostre aspettative e sulla conformità al nostro Codice dei fornitori. Questo include workshop faccia a faccia e audit dei fornitori per i fornitori "ad alto rischio".